DAL SENATONEWS

INTERROGAZIONE SUL CONSIGLIO COMUNALE DI DIAMANTE DEL 26 MAGGIO 2018

Interrogazione a risposta scritta
MAGORNO – Al Ministro dell’interno –
Premesso che:
In Diamante (CS) in data 26 maggio 2018, si è riunito in seconda convocazione il Consiglio Comunale, presieduto dal sig. RiENTE Bernardo nella propria qualità di Presidente dell’assemblea, alla presenza del Sindaco dr. Gaetano SOLLAZZO.
Tra i punti all’ordine del giorno, tra l’altro, era fissata la discussione per l’approvazione del bilancio consuntivo dell’Ente.
Sin dall’inizio della adunanza, parte del pubblico presente in aula ha iniziato a rumoreggiare contro gli interventi del gruppo consiliare denominato “Per una Diamante migliore”, senza che alcuno dei presenti sia stato richiamato all’ordine dal Presidente del Consiglio Comunale.
Più sgradevoli e incivili, sono stati gli epiteti rivolti all’indirizzo della consigliera del predetto gruppo, dr.ssa Francesca AMOROSO, la quale durante il suo intervento è stata ripetutamente interrotta e gravemente insultata e denigrata da alcuni intervenuti nel pubblico.
A rendersi colpevoli del gesto riprovevole e ripetuto ai danni della predetta consigliera di opposizione, risultano essere stati alcuni tra gli intervenuti nel pubblico presente, individuabili anche tramite le riprese della locale emittente e pubblicate sui social.
Il pubblico presente durante l’assise comunale non era autorizzato ad intervenire, men che meno nei modi inurbani e volgari coi i quali diversi cittadini hanno deciso di rivolgere il proprio incivile pensiero alla persona della consigliera AMOROSO.
Nonostante le ripetute interruzioni e le richieste rivolte dalla AMOROSO al Presidente del Consiglio Comunale RIENTE, affinché le fosse consentito di terminare il proprio intervento senza disturbi e insulti da parte del pubblico presente, costui non interveniva, omettendo di esercitare le proprie prerogative di presidente della assemblea cittadina, né disponeva l’intervento della forza pubblica ovvero l’allontanamento dei facinorosi dalla sala.
Neanche il Sindaco SOLLAZZO, presente alla animata discussione, poneva in essere alcuna azione o intervento affinché cessassero gli insulti in danno della AMOROSO, nonostante la propria funzione di Pubblico Ufficiale in esercizio delle proprie funzioni durante il Consiglio Comunale.
Si chiede di sapere:
se il Ministro interrogato sia conoscenza di quanto riportato in premessa e se non ritenga, considerata la gravità dell’episodio, attivare i competenti uffici territoriali della Prefettura al fine di acquisire ogni elemento utile, anche su supporto audio/video finalizzato ad individuare le precise responsabilità circa l’accaduto, anche in riferimento  ad eventuali omissioni e inadempimenti verificatisi nella gestione del consiglio comunale, e scongiurarne il ripetersi in futuro nell’oggettivo  interesse dello svolgimento democratico del confronto all’interno dell’assise cittadina.
Senatore Ernesto Magorno